Chi sono i Cristiani Evangelici

di P. Bolognesi

 

Chi sono i cristiani evangelici? La domanda Ź legittima. Il nome rischia oggi di essere portatore di equivoci. ť quindi necessario definire cosa s'intenda con "evangelici".


Essere evangelici

Il termine "evangelici" non Ź stata una scelta voluta, esso ci Ź stato affibbiato da altri. Purtuttavia ci sta bene se si vuole mantenere la radice del suo significato. Evangelico proviene dal termine Evangelo (o Vangelo) che significa "buona notizia", la buona notizia di GesĚ Cristo. In effetti noi crediamo di doverci riferire al Vangelo ed alla Bibbia come alla somma autoritą per la nostra fede e condotta. Essa Ź assolutamente centrale. L'uomo saprebbe molto poco su Dio e su se stesso se Dio non avesse parlato e non si fosse rivelato nella Sua Parola. Il Dio che emerge dalle pagine della Bibbia non Ź un Dio indifferente, immobile e muto, ma il Dio che parla.

Per questo la Bibbia Ź importante, anzi, essenziale per la vita di chiunque. La sua centralitą significa prima di tutto che la Bibbia Ź il mezzo particolare attraverso il quale Dio comunica la sua veritą all'uomo. Senza di essa ci sarebbe molta incertezza, ma per mezzo suo vi puė essere la luce e la certezza. Poiché Dio ha rivolto all'uomo il suo messaggio, quest'ultimo puė sperare, essere liberato e salvato.
In questo senso essere evangelici significa essere coerenti con l'affermazione di Dio come Signore, come Colui che ha parlato nella sua Parola e che attraverso di essa puė liberare l'uomo da tutte le sue illusioni rivolgendogli una parola certa per la sua salvezza. Se la Bibbia Ź il mezzo attraverso il quale Dio comunica la sua veritą all'uomo, allora ogni uomo ha la libertą d'accostarsi ad essa. Il potere e la chiarezza della Parola di Dio Ź tale da non aver bisogno d'altro sostegno che la sua stessa forza. Lo Spirito Santo Ź capace di rendere efficace la Scrittura nel cuore delle persone.

Per questo si parla anche di "sacerdozio universale" dei credenti. Nel senso che ciascun uomo, il piĚ potente come il piĚ umile, il piĚ ricco come il piĚ povero sono posti, nel loro rapporto con Dio, su di uno stesso piano. E se tutti sono liberi d'accostarsi alla Parola di Dio, tutti sono "sacerdoti". Non c'Ź bisogno di mediatori umani tra Dio e gli uomini, ma tutti sono fratelli. Le chiese evangeliche non si riuniscono attorno a degli uomini che pure possono avere dei doni particolari da Dio, ma sono riunite da e attorno alla Parola di Dio.


Essere cristiani

Anche su questo termine ci sono troppi luoghi comuni. Con il termine "cristiani" si deve perė intendere coloro i quali, come dice la Bibbia seguivano GesĚ Cristo e si erano dati a Lui (Atti 11,26). In questo senso si deve pensare agli apostoli, ai discepoli, ai primi convertiti della Pentecoste, a quelli di Gerusalemme, Antiochia, Corinto, ecc. Si pensa a tutti coloro che nel tempo hanno subito scherni, flagelli, catene, lapidazioni, martirii, poiché "di loro il mondo non era degno". Si pensa agli innumerevoli roghi accesi e a tutti coloro che ancora oggi soffrono a causa del nome che portano, quello di cristiani. Oggi, soprattutto nel nostro mondo, non Ź sempre cosď. Ci si puė chiedere perė cosa potevano credere per giungere fino a quelle estreme conseguenze con la certezza di non essere degli illusi.

Noi cristiani crediamo che GesĚ sia il solo Signore. Siamo fermamente convinti dalla Parola di Dio, che al di fuori di Lui non sia possibile essere salvati "perché non v'Ź sotto al cielo alcun altro nome per il quale si abbia ad essere salvati" (Atti 4,12). GesĚ Ź per noi il solo Mediatore tra Dio e gli uomini (1 Timoteo 2,5), perciė non c'Ź bisogno di alcun altro che faccia da tramite tra Dio e gli uomini. Dio Ź al di sopra di tutti e di tutto e a Lui solo deve andare la gloria.
Forse ci si puė chiedere perché si ritiene di aver bisogno d'un Salvatore. Senz'altro perché in quanto esseri umani riconosciamo la nostra totale incapacitą nel realizzare il bene secondo Dio. Dinanzi al Dio santo della Bibbia, ciė che l'uomo puė realizzare di meglio non Ź altro che un "abito sporco". Ciė che la Bibbia chiama peccato non Ź una generica tendenza o determinazione casuale, non Ź solo lo stato di penosa incertezza, esso Ź iniquitą e perversione del cuore. Qualcosa che attinge alla piĚ intima essenza del nostro essere e che dinanzi alla santitą di Dio Ź immondo. Per scalzare questa corruzione non Ź in alcun modo possibile affidarsi a pratiche religiose (digiuni, pellegrinaggi, sofferenze o altro). Questo Ź ciė che propongono tutte le diverse religioni. Questa Ź la nevrosi di una falsa salvezza che cresce sul terreno delle illusioni umane. Tutti i sistemi umani dicono: "Tu devi fare". Tutti impongono all'uomo certe richieste che in definitiva egli non puė realizzare. Cristo Ź invece venuto ad annunciare qualcosa di assolutamente diverso, un'autentica buona notizia: "Tu non devi meritarti nulla, io ho compiuto tutto. Tu non devi salvarti, io ti ho salvato. Tu non devi giungere ad un certo livello di giustizia, io sono la tua giustizia. Tu non devi espiare i tuoi peccati, io li ho espiati".


Tutto Ź compiuto

Come puė essere realmente vissuta una tale prospettiva? Soltanto per fede: fede come riconoscimento e accettazione dell'opera della grazia che dice: "Tutto Ź compiuto!" (Giovanni 19,30). Sotto il cupo cielo della condizione umana Dio lascia trapelare la luce della speranza. GesĚ disse: "Venite a me voi tutti che siete travagliati ed aggravati, e io vi darė riposo" (Matteo 11,28). "Io sono la luce del mondo, chi mi segue non camminerą nelle tenebre, anzi avrą la luce della vita" (Giovanni 8,12). Qui non si tratta di migliorare, ma di cambiare radicalmente, di "nascere di nuovo"; non si tratta d'aggiornarsi, ma di convertirsi. Senza Dio anche il progresso non Ź che decadenza, poiché ogni miglioramento ci pone nuovamente in presenza della nostra derisoria insufficienza e della nostra minacciosa finitudine.

Alle persone sconvolte dalle esigenze assolute di Dio, il Vangelo di Cristo annuncia un perdono totale e quindi la pace. La sua opera Ź completa ed irripetibile, la sua luce sufficientemente luminosa per far impallidire tutto ciė che Ź umano e smascherare le meschine illusioni della nostra povertą. La grazia Ź ciė che non si merita! Forse tanti la stanno cercando da tanto tempo senza rendersi conto che Ź un dono libero e sovrano di Dio che ama e chiama per nome. Poiché non Ź un diritto, né qualcosa d'obbligato, essa puė essere accolta solo per fede, ma anche con la riconoscenza piĚ completa. "Chi crede nel Figliuolo ha la vita eterna". La salvezza Ź un dono di Dio che vale per l'eternitą. E quando la si Ź conosciuta la si puė confessare davanti agli uomini per la gloria di Dio.

 




In cosa consiste il culto degli evangelici?

Noi non abbiamo la "messa" cattolica, intesa come ripetizione del sacrificio di Cristo, perché crediamo che GesĚ Cristo ha offerto sé stesso come "unico sacrificio per i peccati" di coloro che credono (leggi nella Bibbia in Ebrei 10:12 e Romani 6:9-10), e che "questo Egli l'ha fatto una volta per sempre quando ha offerto sé stesso" (Ebrei 7:25-27; 9:22-28).
Ci riuniamo insieme per offrire al Signore la nostra adorazione, con le lodi, i cantici, le preghiere e le testimonianze, offerte a Lui nella semplicitą, e meditiamo la Parola di Dio.


Perché i cristiani evangelici credono in Cristo ma non nella Chiesa?

Noi crediamo sia in Cristo che nella Chiesa! La differenza con i cattolici Ź nel concetto di Chiesa: loro credono che la Chiesa sia quella di Roma, e che fuori di essa vi sia salvezza (vedi qui). Le altre chiese storiche, come ad esempio quella ortodossa, non riconoscono la presunta supremazia del vescovo di Roma.
Noi evangelici crediamo che "la" Chiesa sia soltanto la Chiesa Cristiana, cioŹ l'insieme di tutti i cristiani del mondo che credono in GesĚ Cristo come loro Salvatore. In questo senso, la Chiesa Cristiana Ź detta universale (o "cattolica") ed Ź anche chiamata nella Bibbia "il corpo di Cristo", cioŹ l'insieme di noi cristiani, con a capo soltanto il Signore.


Quali sacramenti avete? Avete dei sacerdoti?

Abbiamo i sacramenti previsti dalla Bibbia:
1) Il battesimo in acqua (eseguito secondo l'esempio dei Vangeli).
2) La santa cena.
3) La confessione privata a Dio, o anche pubblica per chi lo vuole.
4) Il matrimonio.
5) L'unzione degli infermi.
Non abbiamo l'ordine sacro, perché non Ź previsto dalla Bibbia, secondo la quale tutti i cristiani sono santi e sono sacerdoti del Signore per offrire a Lui il sacrificio della nostra lode mediante GesĚ Cristo (vedi 1 Pietro 2:5 e Apoc. 1:5-6; vedi anche qui).

 




(Il brano che segue Ź tratto da un articolo de "l'Espresso online")


Un’inchiesta commissionata dalla Chiesa valdese e resa pubblica lo scorso 6 maggio ha accertato che gli italiani apprezzano il protestantesimo per “impegno sociale”, “solidarietą” e “rigore morale”, oltre che per una “maggiore conoscenza dei testi sacri” e un “comportamento piĚ coerente con la loro fede”. Ma quanto a informazione, gli intervistati ne sanno poco o niente.


L’inchiesta commissionata dalla Chiesa valdese Ź indizio di una piĚ generale tendenza delle classi intellettuali, cattoliche e non, nel giudicare selettivamente il protestantesimo d’oggi.

Da parte dei ceti istruiti, l’ignoranza e il discredito colpiscono soprattutto un’area del mondo protestante, quella definita fondamentalista. ť un discredito che influenza anche il dialogo ecumenico perseguito dai circoli cattolici piĚ impegnati: ben disposti verso luterani, valdesi, calvinisti e anglicani, ma molto chiusi od ostili nei confronti di pentecostali ed evangelicals (evangelicali).

Ebbene, proprio da parte di un autorevolissimo esponente della Chiesa valdese e del campo progressista, il pastore Giorgio Bouchard, Ź venuta una vigorosa critica a questo doppio standard. [...]


Scrive Bouchard: “In un’epoca infestata dal peggior relativismo morale e da un materialismo soffocante, i pentecostali rappresentano una nuova e legittima interpretazione della pietas cristiana, fondata su una grande certezza: la presenza dello Spirito, la tanto trascurata terza persona della Trinitą”.

Bouchard rovescia “la vecchia opinione secondo cui la crescita del movimento pestecostale nell’America Latina altro non fosse se non una manovra dell’imperialismo americano”. Fa notare, piuttosto, che “un predicatore laico della pentecostale Church of God Ź stato per vari anni Charles Schultz, l’inventore di Charlie Brown, questa garbata e incisiva autocritica dell’homo americanus”.

Quanto al fondamentalismo, dopo averne descritto l’origine come ritorno ai “fondamentali” della fede contro il relativismo etico e culturale che corrode la civiltą, Bouchard scrive: “Naturalmente questo movimento non Ź molto gradito agli intellettuali secolarizzati di Boston e di New York. Essi hanno cominciato a usare la parola fondamentalista come sinonimo di oscurantista: si tratta perė di un abuso lessicale che va fermamente combattuto. [...] Metą dei 700 milioni di evangelicals che vivono nel mondo di oggi sono fondamentalisti: sono stati nel Gulag sovietico, oggi sono nei campi di prigionia cinesi. PiĚ d’una volta affrontano il martirio per la loro fede, in taluni paesi islamici. [...] Potrebbe darsi che proprio i tanto disprezzati fondamentalisti costituiscano l’ultima manifestazione di quello spirito puritano che tanta importanza ha avuto nella storia della democrazia moderna”.